Bollo auto: soluzioni a problemi quotidiani

In questo articolo abbiamo voluto elencare i quesiti più comuni che, di solito, si pone chi non paga il bollo auto e, per ognuno di essi, abbiamo fornito la risposta adeguata. In questo modo non ci sarà più il rischio di cadere in equivoci o in errori che possono costare una cartella esattoriale o il fermo amministrativo.
Bollo auto: se non pago rischio il fermo amministrativo?
Chi non paga il bollo auto rischia innanzitutto l’esecuzione forzata, ossia il pignoramento dei propri beni e, per metà, di quelli del coniuge in regime di comunione. Uno dei beni pignorabili è l’auto. Al fine di evitare che, nelle more della procedura di pignoramento, il mezzo possa essere venduto o danneggiato dal proprietario, l’Esattore può disporre preventivamente il fermo amministrativo.
Il bollo auto è stato dichiarato illegittimo? Va ancora pagato?
Da molto tempo circola su internet la fake news secondo cui il bollo auto sarebbe stato dichiarato illegittimo dalla Comunità europea. Vero però è che si sta tentando di cancellare tale imposta a carattere nazionale (di competenza delle Regioni) e sostituirla con una imposta comunitaria. In pratica, il nuovo bollo auto sarà regolato dall’UE secondo norme comuni a tutti (un po’ come per l’Iva).
È legittimo il bollo auto o il fermo amministrativo sull’unica macchina di proprietà?
Il bollo auto è legittimo anche sulla prima e unica macchina di proprietà. Non vale quindi la regola che invece si applica per l’abitazione principale, esente da imposte.
Se la polizia mi ferma e non ho pagato il bollo auto che rischio?
La polizia non ha modo di verificare se hai pagato il bollo auto o meno, perché tale controllo non rientra tra le sue competenze. Potrebbe tutt’al più farlo la guardia di finanza, ma non certo durante un posto di blocco, il cui fine è invece verificare il rispetto delle regole del codice della strada o delle norme penali. Dunque, se anche non hai pagato il bollo auto e vieni fermato da una pattuglia non rischi né multe, né il sequestro del mezzo.
Se però ha subito il fermo amministrativo e vieni trovato a circolare con l’auto sottoposta alla misura cautelare rischi sia la contravvenzione da 776 a 3.111 euro, sia la confisca del veicolo.
Non ho capito se la prescrizione del bollo auto è di 10, 5, 3 o 2 anni?
Anche se alcuni tribunali hanno dato interpretazioni discordi, a seguito di una sentenza delle Sezioni Unite della Cassazione del 2016, oggi i termini di prescrizione del bollo auto sono i seguenti:
• il bollo auto si prescrive sempre in 3 anni: ciò vale in tutte le Regioni;
• anche la cartella di pagamento per bollo auto si prescrive sempre in 3 anni;
• se fai ricorso contro il bollo auto o contro la cartella esattoriale e perdi la causa la prescrizione è di 10 anni.
C’è poi la decadenza che è di 2 anni. Per capire questo concetto facciamo un passo indietro. Se non paghi il bollo auto la Regione ti invia un avviso di accertamento. Hai 60 giorni di tempo per impugnarlo. Se non lo fai, l’avviso diventa definitivo. Ebbene, da quando esso diventa definitivo, l’Esattore ha 2 anni per notificarti la cartella esattoriale. Scaduto tale termine la cartella è illegittima per intervenuta decadenza. In buona sostanza la decadenza si forma dopo 2 anni e 60 giorni da quando è stato ricevuto l’avviso di accertamento per l’omesso versamento del bollo.
Avv. Davide Lorello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *