La rendita Inail tutela il lavoratore anche per sforzi “non eccezionali”

La rendita Inail tutela il lavoratore anche per sforzi “non eccezionali”
Dev’essere tutelato anche lo sforzo “non eccezionale” che ha provocato l’infortunio o, nei casi peggiori, la morte del dipendente. Ciò anche se, la patologia o la morte si sono verificati a giorni di distanza.
“Costituisce insegnamento di questa Suprema Corte che la causa violenta richiesta dall’art. 2 del DPR n. 1124 del 1965 per l’indennizzabilità dell’infortunio, che agisce dall’esterno verso l’interno dell’organismo del lavoratore, è ravvisabile anche in uno sforzo che non esuli dalle condizioni tipiche del lavoro cui l’infortunato sia addetto, purchè lo sforzo stesso, ancorchè non straordinario o eccezionale, sia diretto a vincere dinamicamente una resistenza, ossia una forza antagonista, peculiare della prestazione di lavoro o del suo ambiente, e abbia determinato, con azione rapida ed intensa, una lesione”. E poi, è stato precisato “che la predisposizione morbosa del lavoratore non esclude il nesso causale fra lo sforzo (o le situazioni di stress emotivo ed ambientale) e l’evento infortunistico, anche in relazione al principio dell’equivalenza causale di cui all’art. 41 cp, che trova applicazione nella materia degli infortuni sul lavoro, dovendosi riconoscere un ruolo di concausa anche ad una minima accelerazione di una pregressa malattia e ben potendo, anzi, preesistenti fattori patologici rendere più gravose e rischiose per il lavoratore attività in genere non comportanti conseguenze negative, provocando la brusca rottura del preesistente, precario equilibrio organico, con conseguenze invalidanti”.
Avv. Massimiliano Fiore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *